L'adozione raccontata dai protagonisti

Io non so ballare il samba

Io non so ballare il samba

Di Fabio Selini

Anno: 2015, editore: ETS - Collana Genitori si diventa
In questo libro-diario si racconta il percorso emozionante di una famiglia adottiva alle prese con la straordinarietà di un viaggio in Brasile per incontrare il piccolo Andrè. Un racconto che narra oltre quaranta giorni di vita e di cronaca famigliare, di avventure, di emozioni, di dolori e di domande, di problematiche che sembrano enormi e di altre che svaniscono in un abbraccio. Paolo, Giulia, Larissa e Andrè impareranno a conoscersi giorno dopo giorno cercando di costruire dal nulla un rapporto destinato a durare per sempre. L’autore in questo libro ci dona una parte intima di se stesso: sta diventando padre per la seconda volta in Brasile, padre di un figlio maschio, un figlio con cui “fare” delle cose da maschi, un figlio che gli insegnerà tante cose (forse non a ballare il samba). Questo libro è dedicato a lui, a questo figlio nuovo, alla sua bellezza, alla sua ostinazione, alla caparbia urgenza con cui sa buttarsi tra le braccia di questi sconosciutissimi nuovi genitori, alla gioia ed immediatezza con cui entra nella vita della sua nuovissima (e studiosissima) sorella. Lui danza, lui corre, lui piange, lui si oppone, lui abbraccia, lui dorme. Questo libro è tutto suo, dei suoi riccioli, dei suoi occhi, delle sue mani e delle sue gambe in movimento
Il mare non chiude mai

Il mare non chiude mai

Di Amaltea

Anno: 2015, editore: Einaudi
Un percorso a ostacoli verso la felicità. Quella che non è data in partenza ma che si può trovare mettendosi in gioco, facendo le valigie, andando in cerca di figli che la natura non ha regalato. È la storia autobiografica di una madre adottiva di 3 bambini russi di 6, 4 e 3 anni. Amaltea, questo lo pseudonimo scelto dall’autrice per parlare di sè senza tradire la sfera privata, come nel mito greco si prende cura di chi non ha generato. Alla base, un’esperienza nei centri per la cura dell’infertilità. Ma ad essere raccontato è tutto ciò che segue al tentativo di fecondazione assistita. Un percorso a tappe che porta a costruire una vera famiglia. (recensione da L'Huffington Post)
Il bambino invisibile

Il bambino invisibile

Di Marcello Foa e Manuel Antonio Bragonzi

Anno: 2012, editore: Piemme
Manuel ha cinque anni e un giorno, quando si squarcia il velo sui misteri della sua giovanissima vita, fugge tra i boschi del Cile. In molti probabilmente sapevano perché non aveva una mamma, e perché vivesse insieme a un uomo che chiamava nonno ma in realtà era un estraneo. Un uomo che nascondeva un segreto sconvolgente sul passato di Manuel e di sua madre. Quando la verità riemerge dall'oblio, Manuel decide che la sua famiglia sarebbero stati gli alberi, i ruscelli, i cespugli di frutti selvatici. Se il mondo degli uomini lo maltrattava, la natura sembrava accoglierlo, lì era casa sua. Per molti anni Manuel vive da solo nel bosco, in silenzio, mangiando frutti selvatici, imparando a cacciare dai gatti, a pescare a mani nude. Un piccolo ragazzo selvaggio che coltiva dentro di sé la libertà. Niente lo avrebbe convinto a tornare nella prigione di prima fino a quando il destino non inizia il suo lungo viaggio in cerca del bambino invisibile. (da www.ibs.it)
Le figlie perdute della Cina

Le figlie perdute della Cina

Di Xinran

Anno: 2011, editore: Longanesi
L’abbandono delle bambine appena nate era, ed è tuttora, una pratica tristemente diffusa in Cina, e non solo nelle zone rurali, complici le ristrettezze economiche e una legge sulla pianificazione delle nascite che per anni ha imposto a ogni famiglia un figlio solo. Alle bambine più fortunate il destino ha riservato l’amorevole accoglienza di una famiglia adottiva in un paese occidentale. Per molte altre nascere femmina ha significato essere brutalmente uccise appena venute al mondo. Grazie a un lavoro di ricerca e di inchiesta durato anni, Xinran dà finalmente voce al silenzioso dolore delle donne cinesi – contadine, studentesse, impiegate – che hanno abbandonato le proprie neonate sulla via di una città, fuori da un ospedale o da un orfanotrofio o sulla banchina di una stazione, offrendoci uno spaccato della Cina odierna per molti aspetti inedito, e al tempo stesso narrandoci una storia fatta di drammi e di speranze ritrovate, una storia capace di lasciare il segno. (da Longanesi)
Ci vuole un paese. Adozione e ricerca delle origini

Ci vuole un paese. Adozione e ricerca delle origini

Di Anna Genni Miliotti

Anno: 2011, editore: Franco Angeli/Le comete
L’identità è il tema intorno al quale si costruiscono, crescono, vivono o muoiono le relazioni all’interno della famiglia adottiva. Spesso la famiglia esplode perché non lo si affronta mai, o lo si affronta nel modo sbagliato. Il libro raccoglie testimonianze, contributi originali e storie vere di persone adottate che hanno compiuto il “loro” viaggio alla ricerca delle proprie origini. Il volume vuole essere uno strumento utile per genitori, operatori, e per gli stessi adottati, per affrontare meglio questo difficile percorso.
Due figlie e altri animali feroci

Due figlie e altri animali feroci

Di Leo Ortolani

Anno: 2011, editore: Sperling & Kupfer
Esilarante e simpaticissimo il racconto del creatore di Rat- Man, fumettista umoristico e padre di due bambine adottate in Colombia con la moglie Cate! Il libro descrive tutto il percorso adottivo con uno stile comico e ealistico al contempo…ogni genitore adottivo ci si può certamente ritrovare... arricchito da 24 vignette divertenti! Da proporre a piccole dosi alle coppie ancora in attesa.
Il cuore che vola - Storia di una adozione in Russia

Il cuore che vola - Storia di una adozione in Russia

Di Maria Dragonetti

Anno: 2011, editore: Ananke
Una storia toccante e coinvolgente, che racconta le vicende dell'autrice durante il percorso che l'ha portata a diventare genitore di un bimbo adottato. Una lettura che sprona a non arrendersi di fronte alle incomprensibili attese, alle difficoltà burocratiche, ai confini territoriali, perché ogni genitore è consapevole del proprio destino e sa di non potersi arrendere. In appendice, un intervento di Anna Maria Colella, direttrice dell'ARAI, che illustra il lavoro delle strutture governative a supporto delle famiglie durante la fase di pre-adozione. (da www.ibs.it)
« Tutte le categorie